Fotovoltaico per 100 famiglie

Consegna gratuita di un impianto da 3 kw/h con manutenzione e smaltimento gratuiti. Il Comune di Casarano parteciperà al progetto nazionale promosso da Ener

Anche il Comune di Casarano parteciperà al progetto nazionale “100 impianti fotovoltaici per 100 comuni d’Italia”. Il progetto, promosso dall’Ente Nazionale Energie Rinnovabili, che si avvale del patrocinio del Ministero dell’Ambiente ed è stato anche oggetto di un protocollo d’intesa con la Regione Puglia, prevede la possibilità di consegnare gratuitamente a 100 famiglie, e senza nessun onere per l’amministrazione civica, un impianto per la produzione di energia rinnovabile da 3 Kw/h. Oltre all’installazione, sono gratuiti anche la manutenzione per 20 anni e l’eventuale smaltimento finale dell’impianto. L’iniziativa è del consigliere comunale Aurelio Bello (Io Sud) che ha provveduto a proporre all’amministrazione guidata da Ivan De Masi la partecipazione al concorso. “L’intervento prevede un investimento di circa 2.100.000 euro – spiega Bello – e rappresenta uno strumento integrato di intervento sul territorio. Infatti permette di avere importanti ricadute sia sotto il profilo sociale, con interventi anche a favore di famiglie a basso reddito per azzerare la bolletta energetica, sia sotto il profilo occupazionale, in quanto nell’installazione dei suddetti impianti verrebbe di impegnare manodopera locale, sia infine, e non meno importante, sotto il profilo ambientale in quanto in linea con il protocollo Kyoto”. Palazzo dei Domenicani è molto sensibile sul tema ambientale, e lo dimostra anche la sottoscrizione all’iniziativa “Clicca per Copenhagen” che altro non è che un appello ai Grandi della terra in vista della Conferenza mondiale sul clima che si svolgerà a Copenhagen il 17 ed il 18 dicembre. Il Comune di Casarano, infatti, è tra i primi firmatari dell’istanza rivolta dal Coordinamento nazionale di Agenda 21 al Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo. Scopo dell’appello è quello di spingere l’Italia a prendere una posizione netta per la sottoscrizione di un accordo vincolante sui cambiamenti climatici. “Il Comune di Casarano – si legge in un comunicato stampa – fresco della quarta riconferma consecutiva nel direttivo nazionale del coordinamento ‘Agende 21 Locali Italiane’, è fortemente impegnato al fine di dare concretezza ai principi della sostenibilità. Si tratta di un percorso che considerare legato esclusivamente a tematiche di natura ambientale sarebbe estremamente riduttivo. Secondo le direttive di Agenda 21 – prosegue la nota – lo sviluppo sostenibile, per essere tale, deve poter essere coniugato secondo i paradigmi ambientali, sociali, economici e culturali. Tutto ciò – conclude la nota – è in perfetta sintonia con le linee programmatiche del sindaco Ivan De Masi, che, non a caso, è stato tra i primi amministratori in Italia a firmare l’appello”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!