Scarpette rosa a Catania

Tre ballerine della scuola di danza casaranese faranno parte della compagnia “Junior Ballet” del Teatro Bellini di Catania. In scena “Lo Schiaccianoci” il 9 dicembre ed in replica l’11 ed il 12

Tre ballerine della scuola di danza “Scarpette Rosa” faranno parte della compagnia “Junior Ballet” del Teatro Bellini di Catania che il 9 dicembre, sul palco del prestigioso teatro siciliano, rappresenterà “Lo Schiaccianoci”. E’ l’epilogo di un progetto di interscambio culturale tra la scuola casaranese, diretta da Rosita Corsano, e la compagnia della città etnea (direttore artistico è Giusy Vittorini), mirato alla promozione di giovani talenti nel mondo della danza. A Catania, il prossimo 9 dicembre, e in replica l’11 e il 12 dicembre, balleranno Nadia Toma , Simona Vitali e Chiara Caputo. L’insegnante Rosita Corsano si dedica da anni, con passione, alla promozione della danza professionale e ai giovani talenti suoi allievi, che negli anni hanno trovato sbocco professionale in questo mondo fantastico, ma difficile. Un nome per tutti è Gabriele Corrado, oggi componente del Corpo di ballo del Teatro alla Scala di Milano, che ha iniziato la sua attività presso la scuola di danza della Corsano; ma anche Simona Caputo di Taviano, selezionata prima presso l'Accademia Nazionale di Roma e attualmente membro del Corpo di ballo “Croatian National Ballet Theatre” di Spalato; infine, le allieve Nadia Toma e Chiara Caputo che, grazie ad una borsa di studio, hanno avuto l’opportunità di esibirsi nel 2005 nel Corpo di ballo dell’“Ajkun Bt Theatre” a New York.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!