Picchiarono quattro turisti. Presi

Identificati e denunciati i tre che, il giorno di ferragosto, pestarono a sangue quattro turisti bolognesi sulla litoranea neretina

di Mauro Longo La vicenda risale allo scorso ferragosto quando, intorno alle 19:30, sulla litoranea che collega Santa Maria al Bagno a Lido Conchiglie, nei pressi della Montagna Spaccata, quattro giovani turisti bolognesi, due ragazzi e due ragazze, erano stati pestati a sangue da tre individui a bordo di una Smart. A quanto pare i turisti erano stati affiancati dall’auto in un punto non consentito e con una manovra alquanto pericolosa. Alle rimostranze del conducente bolognese, in tutta risposta si era scatenata una feroce aggressione prima verbale e poi addirittura con calci e pugni da parte degli occupanti della Smart verso i giovani turisti. Questi erano comunque riusciti a risalire in auto per tentare di sfuggire alla ferocia degli aggressori, ma a causa del traffico, la loro fuga era terminata solo pochi metri più in là dove erano stati nuovamente malmenati. Solo l’intervento di alcuni altri automobilisti in transito avrebbe impedito che le cose degenerassero pericolosamente permettendo ai turisti di recarsi al vicino Pronto Soccorso dell’ospedale “San Giuseppe Sambiasi” di Nardò per sottoporsi alle necessarie cure e dove i sanitari avrebbero riscontrato loro contusioni multiple a livello del torace, sospetta frattura delle ossa nasali, traumi contusivi ai polsi, contusioni multiple alla braccia, alla testa, alle ginocchia, alle spalle e al collo con prognosi variabili da sette a 25 giorni. A partire dalle indicazioni delle vittime e dalle testimonianze degli autisti che avevano assistito alla scena, gli agenti della squadra di polizia giudiziaria del Commissariato di Nardò sono giunti alla denuncia un 31enne di Galatina e di un 23enne ed un 25enne di Aradeo, quest’ultimo pregiudicato. I tre dovranno rispondere, in concorso tra loro, del reato continuato di lesioni personali aggravate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!