Via Brenta. Contratto nullo

Colpo di scena nell’inchiesta su via Brenta a Lecce. Il contratto di acquisto tra Comune e società di leasing sarebbe o per una modifica dei termini

Il contratto di acquisto in leasing dei palazzi di via Brenta sottoscritto tra Comune di Lecce e finanziaria Selmabipiemme è o. Lo dicono i giudici del Tribunale del Riesame Laura Liguori, Stefano Marzo e Silvia Minerva nel provvedimento che ha respinto la richiesta di anare gli arresti domiciliari per Pietro Guagnano, 69enne amministratore della Socoge, costruttore di quei palazzi, costretto in regime di libertà ridotta dallo scorso 20 ottobre. Nullo perché cambiarono i termini dei contratti stipulati dalla Selmabipiemme prima con l’impresa Socoge dei fratelli Pietro e Leonardo Guagnano e poi con l’amministrazione comunale. Diverse domande sorgono a questo punto. Che fine faranno gli uffici del Tribunale civile, della Corte d’appello e del giudice di pace? L’amministrazione comunale sottoscriverà un contratto di affitto in attesa che tutta la questione assuma contorni più chiari? E infine: la Socoge dovrà versare 21 milioni di euro alla Selmabipiemme sulla base della clausola che prevedeva questo obbligo se il Comune di Lecce non fosse subentrato all’impresa edile?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!