Filimei, il negroamaro tra i 100 migliori vini d'Italia

Filimei, il negroamaro tra i 100 migliori vini d'Italia che si potranno degustare a Golosaria, la manifestazione di Papillon in programma a Milano

Filimei, negroamaro in purezza, dell’azienda L’Astore Masseria di Cutrofiano è tra i 100 migliori vini d'Italia secondo la famosa guida di Papillon curata dai giornalisti Marco Gatti e Paolo Massobrio. L’ardua sfida di Paolo Massobrio e Marco Gatti è quella di dimostrare come ogni anno ci siano 100 vini degni di salire sul podio dei migliori. E sono i Top Hundred, degustazione della redazione di Papillon con semifinali e finali giunta all'ottavo anno. “Questo premio – dice Paolo Massobrio – è ormai una novità nel mondo del vino perchè porta alla ribalta non i soliti noti, ma il cuore della rivoluzione che c'è stata nel vino in Italia: ossia tendenze, giovani produttori, vini da vitigni autoctoni che rappresentano talvolta una sorpresa e anche conferme clamorose”. “Per la nostra azienda è un ulteriore riconoscimento del buon lavoro che stiamo facendo – afferma Mimmo Cataldi – responsabile marketing L’Astore – e della nostra scelta di offrire vini innovativi ma allo stesso modo legati alla tradizione vitivinicola salentina; Filimei, il nostro vino, è l’unico negroamaro di tutta la Puglia ad essere riuscito ad entrare in questa speciale classifica”. I 100 migliori vini d’italia si potranno degustare a Golosaria, la manifestazione di Papillon in programma a Milano dal 7 al 9 novembre 2009 (Hotel & Convention Center Melià) dove la famiglia Benegiamo, proprietaria dell’azienda, è stata invitata a ritirare l’ambito premio e successivamente Golosaria sarà a Torino dal 14 al 15 novembre (Piazza dei Mestieri). Ulteriori notizie: www.lastoremasseria.it www.clubpapillon.it Mimmo Cataldi [email protected] 333.2192491

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!