Lazzati. Punto di riferimento per tutti i cattolici

L'incontro su Giuseppe Lazzati si terrà oggi presso il Seminario Diocesano di Nardo. Interverrà Piergiorgio Confalonieri

Giuseppe Lazzati, intellettuale e politico italiano scomparso nel 1986, che in modo straordinario testimoniò i valori cristiani nella sua vita laicale, è al centro del primo aggiornamento per il clero e il laicato che la Diocesi di Nardò-Gallipoli ha promosso per il nuovo anno pastorale 2009/2010. L'appuntamento è per oggi, 30 ottobre, presso il Seminario Diocesano di Nardò. L’appuntamento delle ore 9.30 è riservato al clero, mentre nel pomeriggio, alle ore 18, sono invitati tutti i laici che desiderano conoscere questa figura di spicco del cattolicesimo italiano del secolo scorso. Interverrà Piergiorgio Confalonieri, postulatore della causa di beatificazione di Giuseppe Lazzati, con una relazione dal titolo “Giuseppe Lazzati: un laico fedele e obbediente alla Chiesa al servizio della città dell'uomo“. In merito all’incontro che si terrà questo pomeriggio, Mons. Caliandro, vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, ha affermato: “Guardare a laici e uomini di pensiero e politica come Giuseppe Lazzati, significa per noi sacerdoti, ricordarci quale modello di vita cristiana laicale siamo chiamati a promuovere nelle nostre parrocchie ed associazioni, in fedeltà anche ai preziosi insegnamenti del Concilio Vaticano II circa l'apostolato dei laici e il servizio della Chiesa per l'edificazione della società. Ai nostri laici invece fa sicuramente bene confrontarsi con queste figure di alta moralità, intensa spiritualità e spirito di servizio, che rimangono di grande attualità nel nostro tempo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!