Iskenia. Chiesto il rinvio a giudizio per la Poli

Tentato abuso d’ufficio e rivelazione di segreto d’ufficio. Sono le accuse mosse alla Poli. L’udienza preliminare del 2 dicembre stabilirà se rinviare a giudizio e prosciogliere l’ex sindaca di Lecce, il marito ed il consuocero

Non bisognerà attendere molto per sapere se saranno rinviati a giudizio o prosciolti. L’udienza preliminare, che sarà discussa il prossimo 2 dicembre davanti al giudice Annalisa De Benedictis, stabilirà infatti se accogliere o meno la richiesta di rinvio a giudizio del procuratore aggiunto Antonio De Donno nei confronti di Adriana Poli Bortone, 66 anni, ex sindaca ed ex vicesindaca di Lecce; del marito Giorgio Bortone, 74 anni, avvocato; di Giuseppe Montefrancesco, 79 anni, imprenditore di Copertino, socio della “Iskenia” e consuocero della Poli e del marito Bortone; e di Pasquale Corcelli, 63 anni, di Turi (Bari), amministratore della “Iskenia”. Il processo è stato chiesto per il presunto tentativo della società lussemburghese “Iskenia” di costruire una struttura alberghiera sui 285mila metri quadrati di terreno agricolo tra via Vecchia Frigole, via Torre Veneri e la tangenziale Est, a Lecce. Bisognerà stabilire se siano state commesse irregolarità nell’acquisto dei terreni per quasi un milione e 200mila euro che poi, per effetto di scelte compiute dall’amministrazione Poli, avrebbero assunto un valore di molto superiore: quasi sei milioni e mezzo di euro. Il tutto a vantaggio di Montefrancesco, consuocero di Poli, e di altri parenti tra cui il marito che curò la vendita dei terreni intascando una parcella di 35mila euro. L’ex sindaca di Lecce risponde di due accuse di tentato abuso d’ufficio (una delle quali in concorso con gli altri imputati) e rivelazione di segreto d’ufficio; l’avvocato Bortone di truffa aggravata dalla rilevante gravità e dall’abuso di prestazione d’opera. Secondo l’accusa, la Poli si sarebbe dovuta fare da parte, da sindaca, al momento della votazione delle delibere sulla trasformazione in suoli edificabili di quelli che erano terreni agricoli: attorno alla “Iskenia” ruotavano infatti interessi di persone a lei legate da vincoli di parentela. In questa ricostruzione si inserisce anche l’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio: l’allora prima cittadina leccese avrebbe informato il marito e la società “Iskenia” delle bozze di Dpp (Documento programmatico preliminare) sulla variante dei terreni di interesse delle società stessa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!