Matino. Giorni di fuoco

GUARDA IL VIDEO. Spento un incendio, se ne sviluppa un altro nel giro di poche ore. Fantasmi o no, i residenti in via Puccini hanno paura. Stanotte hanno dormito in auto

Pare che nel Medioevo in via Puccini, a Matino, ci fosse un albero di carrubo. E agli alberi di carrubo venivano uccise le mogli infedeli. Lo spirito di una di loro potrebbe essere rimasto intrappolato in quella strada e potrebbe voler comunicare il proprio disagio disseminando danni nelle case dei paraggi; o forse potrebbe cercare di scappare via, distruggendo tutto ciò che ha intorno. Oppure autore degli strani episodi che si sono verificati in quella corte nelle ultime settimane potrebbe essere “u moniceddhru”, inteso come folletto dispettoso. In passato via Puccini era detta la via dei moniceddhri che, narra la leggenda, schiacciavano chiunque vi si addentrasse. Oppure chissà. Altre storie ed altri mitici personaggi potrebbero aiutare a ricostruire responsabilità e motivazioni. Di leggende ne sono state recuperate in grande quantità per spiegare la natura dei fatti “paranormali” che hanno avuto luogo in quella che è stata ribattezzata “la strada dei fantasmi”. Nella sola giornata di ieri gli incendi, tutti di una certa entità, sono stati cinque e si sono sviluppati in diverse ore della giornata, dal mattino alla notte. E se in un primo momento c’era chi commentava non senza sorridere l’ipotesi che la zona fosse infestata da uno o più fantasmi, oggi questa idea non sembra più così assurda ai più. Intanto i residenti nella zona, tutti parenti, hanno paura a dormire in casa e preferiscono trascorrere la notte nelle auto. Lo dice Michele Crusafio, proprietario di due delle case andate distrutte nelle fiamme, figlio di Maria Vitali, l’anziana 94enne cui gli incendi hanno provocato i danni maggiori. Il sindaco ha promesso che fornirà loro delle coperte. Anche quelle hanno perso nel fuoco che si è portato via tutto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!