Culiersi: «Copersalento non potrà più riaprire»

Roberta Culiersi dichiara i propri dubbi in merito alla riapertura di Copersalento e ritiene che adesso spetta alle istituzioni tutelare i lavoratori

In merito alla questione Copersalento, Roberta Culiersi, consigliere comunale a Maglie e segretario provinciale Movimento Repubblicani Europei, esprime la propria opinione in merito alla presunta riapertura dello stabilimento. In seguito pubblichiamo il comunicato stampa giunto in redazione. Bisogna prendere atto del fatto che Copersalento, date le attuali condizioni degli impianti e dati i dubbi espressi da Arpa con riferimento agli stessi, non potrà più riaprire. Pertanto non ha più senso parlare di ulteriori fasi sperimentali o riaperture a tempo e continuando a legare le sorti dei lavoratori alle sorti dell’azienda si rischia di far degenerare una situazione già di per sé piuttosto drammatica e delicata. Al momento l’unico modo per salvaguardare i diritti dei lavoratori è quello di assicurare loro una via d’uscita occupazionale alternativa e indipendente dal futuro dell’azienda e attivare nel frattempo tutte le procedure necessarie di tutela del reddito. Da qui l’urgenza dell’incontro in Prefettura: in questa sede sindacati, amministratori, parlamentari e ministri del territorio devono trovare al più presto una soluzione a garanzia dei lavoratori. E’ giunto il momento che le istituzioni e le forze sociali li tutelino, non più come dipendenti di Copersalento, ma semplicemente come lavoratori che hanno il diritto a una vita dignitosa e alla tutela del proprio reddito. A questi uomini e alle loro famiglie sono vicina e ad essi rivolgo il mio pensiero e un invito affinché, pur nella estrema difficoltà del momento, non compiano più atti o gesti che, dettati dalla disperazione, potrebbero mettere in pericolo la loro stessa vita. Roberta Culiersi consigliere comunale di Maglie

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!