Mobbing quotidiano

Gianni D'Agata, del Dipartimento tematico “Tutela del consumatore” ritiene sempre più necessario ed urgente un aumento del monitoraggio sul mobbing

In dieci mesi ben 24 dipendenti di France Telecom si sono suicidati. Sotto accusa il management dell’azienda ed i suoi metodi inumani di mettere sotto pressione i dipendenti per ottenere da loro il massimo delle prestazioni possibili. “La prova di questi metodi è in un video – spiega Gianni D’Agata, componente del Dipartimento tematico nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori – nel quale il presidente del gruppo mette le sue equipe sotto pressione con il sorriso, come si trattasse di un divertimento: un divertimento tragico, se è vero che in dieci mesi ben ventiquattro dipendenti sono giunti al gesto estremo, e se è vero che lo stesso presidente ha commentato cinicamente il tragico fatto parlando di “moda dei suicidi”. La frase si commenta da sé – continua D’Agata – e va ad inserirsi in un clima già pesante per i lavoratori, oggetto di metodi sempre più brutali per l’imposizione delle scelte manageriali, degni di altri tempi ed altri contesti, ma non certo dei nostri tempi né di una moderna democrazia”. Questa vicenda estrema porta alla memoria tanti casi, meno eclatanti ma non meno drammatici, di mobbing. “La moderna economia virtuale, causa principale della crisi strutturale del sistema economico che stiamo vivendo – continua l’esponente di Italia dei valori – bada sempre più al profitto in sé e per sé e sempre meno allo sviluppo dell’economia ed ancor meno all’individuo, al singolo lavoratore che viene schiacciato da un ingranaggio di un meccanismo che, grazie alla globalizzazione, diviene di giorno in giorno più grande”. Secondo D’Agata occorrerebbe fermarsi a riflettere su tali vicende sintomatiche di come si sia perso il senso di umanità in ogni pratica quotidiana; “dobbiamo tutti ribellarci, rifiutare metodi oppressivi che umiliano l’uomo e rivendicare a testa alta il primo dei diritti di un lavoratore: quello ad una esistenza dignitosa.” Il componente del Dipartimento tematico crede infatti che sia sempre più necessario ed urgente un aumento del monitoraggio del fenomeno del mobbing all’interno della pubbliche amministrazioni e delle aziende private.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!