Terra del fuoco- Mediterranea. Appuntamento a mezzogiorno

Lunedì prossimo, l’associazione culturale ed ente di promozione sociale Terra del fuoco-Mediterranea darà avvio al nuovo anno sociale

L’associazione culturale ed ente di promozione sociale Terra del fuoco-Mediterranea da più di quattro anni lavora assiduamente sul territorio salentino e non solo. Infatti da quest’anno, grazie alla grande iniziativa del Treno della memoria 2009, che ci ha dato la possibilità di organizzare un treno interamente pugliese, la nostra associazione è riuscita a conquistare un raggio d’azione più ampio, confermando la propria presenza su tutto il territorio pugliese. Animata dagli stessi ideali e obiettivi, continuerà a diffondere, in maniera sempre più capillare e costante, i temi della cittadinanza attiva, dell’antimafia sociale, della legalità, puntando alla promozione del protagonismo giovanile, alla costruzione di una nuova Europa e alla restituzione di un ruolo di primordine al Mediterraneo. Il 21 settembre alle ore 17.00 presso la sede delle officine culturali Ergot a Lecce in P.tta Falconieri, l'associazione darà il via al suo quinto anno sociale (2009/10), anno ricco per il bagaglio di esperienza che fortunatamente ha alle sue spalle, ma anche per tutte le attività e gli impegni che la vedranno protagonista nei prossimi mesi. Appuntamento a Mezzogiorno; è così che si chiamerà la nuova campagna sociale. Uno sguardo al Sud, un Sud che non dispera, ma che consapevolmente si guarda allo specchio animato dal desiderio di ripartire e maturare. Sempre con la voglia di riuscire a dimostrare che l’associazionismo rappresenta il metodo più efficace per la cooperazione tra Istituzioni e per il progresso socio-culturale di ogni società.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!