Un salentino tra i militari morti a Kabul

GUARDA IL VIDEO. Attentato in Afghanistan. Quattro feriti e sei morti. Tra questi un salentino, Davide Ricchiuto, parà 26enne di Tiggiano. Il ricordo di uno dei suoi più cari amici

Era proprio così che voleva morire, Davide Ricchiuto, caporalmaggiore 26enne di Tiggiano, in missione a Kabul: da leone e non da pecora. Lo diceva sempre ai suoi cari. Ciò non basta, tuttavia, a placare il dolore di chi lo aspettava a casa ed ogni giorno, da quando era partito, a fine aprile, controllava bollettini di guerra e prestava attenzione ad ogni informazione che potesse dare l’impressione che Davide fosse più vicino. L’attentato di ieri nella capitale afghana è stato impietoso: 150 chilogrammi di tritolo in una Toyota. Risultato: sei morti e quattro feriti. Davide è capitato tra i primi. Davide Ricchiuto, militare salentino ucciso a Kabul Avrebbe dovuto far rientro a casa a fine agosto, ma era stato costretto a rimanere lì per altri due mesi. Il paese ed il Salento intero si stringono attorno alla famiglia del 26enne. Che intanto resta in attesa di notizie relative al rientro delle salme in Italia. Dopodiché volerà a Ciampino per tributare l’ultimo saluto al coraggioso militare. Ippazio Morciano, sindaco di Tiggiano, ha proclamato due giorni di lutto cittadino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!