Casa amata. Giochi senza barriere

Lunedì pomeriggio alle ore 16, presso i giardini William Ingrosso di Casarano, la prima edizione dei Giochi senza barriere

Lunedì pomeriggio alle ore 16, presso i giardini William Ingrosso di Casarano, avrà luogo la prima edizione di Giochi senza barriere, organizzati dalla comunità riabilitativa psichiatrica Casa Amata, con la collaborazione e con la partecipazione di altre importanti strutture riabilitative, tutte operanti nel territorio salentino, e precisamente: Villa Giulia, Cento Pietre Unite, Sol Levante e S. Giovanni Castello Pio. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Casarano – Assessorato alle Politiche Sociali – ed è “sostenuta” dalla comunità parrocchiale casaranese di S. Giuseppe e S. Pio. Con questo progetto, suggerito da Emanuela D’Amico, gli organizzatori e lo staff tecnico-professionale intendono promuovere la partecipazione sociale di tanti giovani che vivono in stato di disagio. E si pongono l’obiettivo primario della “rimozione di ogni barriera che ostacola lo sviluppo delle potenzialità fisiche, ludiche ed espressive” offrendo, a questi giovani, la opportunità di esperimentare, in un clima di spensieratezza, di divertimento e di allegria, un contesto ideale per interagire ed intessere nuovi rapporti umani e relazionali. I partecipanti a questi giochi senza “barriere” saranno impegnati in tante diverse attività ludo-fisiche ( labirinto, murales, giochi d’acqua, puzzle, percorso ad ostacoli, travestimenti, quiz). La serata si concluderà con uno spettacolo di artisti da strada e con la premiazione dei partecipanti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!