Oltre 4mila visitatori al museo civico

Il bilancio estivo dell'Emanuele Barba di Gallipoli si chiude con un lusinghiero risultato. I numeri fanno riferimento al periodo che va dall'1 luglio all'11 settembre

Il bilancio estivo del museo civico Emanuele Barba si chiude con il lusinghiero risultato di oltre 4mila visitatori che si sono recati presso la struttura di via Antonietta De Pace, nel cuore del centro storico, per visitare uno dei luoghi più importanti della memoria storica gallipolina. I numeri, che fanno riferimento al periodo che va dall'1 luglio all'11 settembre, vengono commentati con soddisfazione da Gabriella Casavecchia. “Le cifre – commenta – confermano quanto alta e importante sia la domanda culturale tra l'utenza e che tale risorsa può contribuire senz'altro a rafforzare e variegare l'offerta turistica. I dati parlano chiaro e dimostrano la lungimiranza dell'esecutivo guidato dal sindaco Venneri, che sin dalla prima Amministrazione ha puntato molto su tale versante, per valorizzare la cultura materiale ed immateriale. Questi risultati sono frutto diretto e contiguo di tali scelte politiche”. Il numero di visitatori è comunque destinato ad aumentare, visto che la struttura resterà ancora aperta, con una lieve modifica degli orari (10-13 e 17-20), sempre all'irrisorio prezzo di un euro. Per il futuro prossimo l'assessore dichiara su quale target di visitatori si sta indirizzando l'attenzione dell'esecutivo. “È nostra intenzione – ha continuato – aprire le porte del museo alle scolaresche del territorio, convinti come siamo che la cultura ed il sapere rappresentino due colonne portanti nella formazione e nella crescita dei nostri giovani. Appena avviato l'anno scolastico provvederemo a realizzare tali visite e a far conoscere agli alunni il museo della città di Gallipoli”. Va ricordato che il museo offre anche un servizio di visite guidate per la città, alla scoperta dei luoghi più caratteristici ed affascinanti della perla dello Ionio, prenotabile telefonando al numero del museo (0833/264224).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!