Gallipoli. La riqualificazione del litorale

Una nutrita platea di cittadini ha assistito all'esposizione dei tre elaborati che concorreranno per aggiudicarsi il concorso nazionale di idee

L'incontro, tenutosi presso la sala riunioni della palazzina comunale di via Pavia (alla presenza di cittadini, operatori turistici, rappresentanti di associazioni nonché di Cosimo Giungato, presidente della Commissione Comunale Urbanistica) ha raccolto diverse istanze, idee e suggerimenti della cittadinanza per redigere il progetto vincitore del concorso nazionale di idee voluto dall'Amministrazione Comunale per riqualificare e rendere più fruibile la litoranea sud cittadina. “La risposta che abbiamo avuto – ha commentato Giuseppe Barba, che ha seguito per l'esecutivo l'intero iter, assieme al collega all'urbanistica, Giovanni Pisanello – è stata davvero ottima e soddisfacente. L'incontro è stato proficuo perchè abbiamo registrato molte idee, anche tra loro contrastanti ma comunque utili alla riqualificazione del litorale, che serviranno per il progetto finale. Adesso l'Amministrazione farà una sintesi di tali contributi e sulle proposte che ne scaturiranno i tre concorrenti finalisti lavoreranno e si impegneranno”. La base di partenza voluta dall'esecutivo, va ricordato, è l'eliminazione del manto stradale che congiunge l'area del lido S. Giovanni alle strutture alberghiere, con la contestuale sostituzione con percorsi ecosostenibili e ciclopedonabili. Una chiara e netta presa di posizione in favore dell'ambiente e della maggiore fruizione dell'area, come spiega l'assessore Pisanello: “l'obiettivo ormai notorio – ha detto – è molteplice: rendere più fruibile l'area, dotarla di servizi, in primis parcheggi e contribuire anche al miglioramento degli standard ambientali, dando risposte importanti su una questione particolarmente sentita quale quella dell'erosione dunale e rendendo il parco naturale ancor più integrante nel tessuto urbano e cittadino“.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!