Otranto. Les Troublamours

Gli ingredienti di questa musica sono: un po' di tarantella, pizzicata per i ritmi indiavolati dalle virtù terapeutiche, un po' di spirito gitano e infine, un po' di influenza delle guinguettes della belle époque

Domani nuovo appuntamento della rassegna AnimaMundi presso il bar Maestrale sul molo di Otranto. Dopo l’aperitivo musicale, alle 21.00 sarà proiettato il film “Gadjo Dilo – Straniero Pazzo” di Tony Gatlif. Il giovane francese Stéphane è in Romania alla ricerca di Nora Luca, cantante zigana di cui possiede solo una cassetta che il padre ascoltava molto negli ultimi anni di vita. Giunto in un villaggio deserto, Stéphane incontra Izidore, vecchio zigano con cui subito fraternizza, beve vodka e passa la notte. Il giorno dopo il paese è in subbuglio: Izidore, il capo del villaggio, ha dato ospitalità ad uno straniero!. Ma il vecchio tranquillizza tutti: il ragazzo è suo amico ed è venuto per imparare la lingua rom. Nei giorni seguenti, Stéphane, adottato dal villaggio, accompagna Izidore ad un matrimonio dove il vecchio è stato invitato per suonare. Sabina, una ragazza del luogo, ha vissuto in Belgio e si incarica di fare da interprete. Così Stéphane avvicina alcuni musicisti e ne registra le esibizioni. Ma è soprattutto Sabina ad attirare la sua attenzione. Più avanti dalla prigione torna Adriani, un altro capo del villaggio. Si fa festa, ma poi l'uomo prende di mira un rumeno e lo uccide. Il villaggio è messo a fuoco. Sabine e Stéphane si allontanano. Stéphane sotterra tutte le cassette e i nastri che aveva registrato. Sabina lo guarda ridendo. Dalle 23.00 spazio invece alla musica dei Les Troublamours. La tarantella Gitano Guinguette è la musica tradizionale di Tadgiguinia sparsa ai quattro venti dai suoi ambasciatori Troubadours: Les Troublamours! Gli ingredienti di questa musica sono, un po' di tarantella, pizzicata per i ritmi indiavolati dalle virtù terapeutiche, un po' di spirito gitano portato dagli Zigani venuti dall'est che sanno attingere nei repertori tradizionali dei paesi attraversati per rivisitarli; e infine, un po' di influenza delle guinguettes della belle époque dove la fisarmonica faceva ballare e cantare. Le sensibilità musicali diverse di ciascuno dei Troublamours danno vita alla Tarantella Gitano Guinguette, musica e parole vi si intrecciano, humour, speranza e rivolta si avviluppano. Il risultato è una musica popolare di un paese immaginario, selvaggia come una tarantella, infuocata come un'aria balcanica, seducente come un valzer. A fine concerto si continua a ballare con una selezione di pizziche, ritmi balcanici e world music a cura di AnimaMundi.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!