Galatina. I concerti del chiostro

Tre concerti in sette giorni. L'appuntamento è per il dopo ferragosto

Si comincia lunedì con il duo Burcu Bükem Karaca (soprano) e Mariagrazia Lioy (pianoforte); quindi giovedì una delle massime personalità del pianismo mondiale che risponde al nome di Aldo Ciccolini; infine lunedì 24 la straordinaria accoppiata violino – pianoforte di Pierre Hommage e Pierluigi Camicia. Apre i battenti il duo al femminile italo – turca formata dalla potentina Mariagrazia Lioy e dal soprano di nazionalità turca Burcu Bükem Karaca. Dopo gli studi nel suo paese, la Karaca ha conseguito il diploma con lode sotto la guida di Antonio Marcenò presso il conservatorio di Trapani. Ha debuttato ad Ankara nel ruolo di Liù (Turandot – Puccini) e cantato i ruoli Nedda (Pagliacci – Leoncavallo), Frasquita (Carmen – Bizet), Rosina (Barbiere di Siviglia – Rossini). Nella prossima stagione sarà protagonista nell'opera Tosca di Puccini e Rusalka di Dvorak presso il Teatro dell'Opera Statale di Antalya. Nata a Venosa (Pz), la Lioy è titolare della cattedra di Pianoforte al Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce sin dal 1980. Si é perfezionata con i Maestri Pierluigi Camicia, Sergio Fiorentino, Aldo Ciccolini e Dario De Rosa per la musica da camera. Riceve puntuali ed entusiastici apprezzamenti di pubblico e critica per la peculiare capacità di coniugare rigore e intensità espressiva. In programma, tra l’altro, arie di Verdi (Vespri siciliani), Puccini (Turandot), Strauss e Rossini. Una serata lirico – classica da non perdere con inizio alle 21 presso il Chiostro dei Domenicani di Palazzo della Cultura. Prevendita ed abbonamenti (50 euro per sei appuntamenti di rilievo) presso libreria Viva – Athena, via Liguria 73 Galatina. Info 0836.566088, 331.4768353.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!