Gli spacciatori di via Palmieri

Arrestati due giovani leccesi dai carabinieri della stazione di Santa Rosa. Colti in flagranza di reato con la sostanza addosso e altra in casa

Spacciavano in pieno centro, sono stati arrestati dai carabinieri. È accaduto in Via Palmieri, strada di collegamento tra Porta Napoli e il Duomo, situata nel centro storico del capoluogo salentino, al centro di polemiche e reclami da parte dei leccesi residenti nella zona. Si tratta di Pallara Rosario, leccese del 1977, e Ferri Federico, 19enne di Lecce, arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri, durante il servizio di pattuglia in abiti borghesi, hanno sentito i due, nei pressi del bar “Oriente Express” di via Palmieri, mentre parlavano, con atteggiamento guardingo, di sostanze stupefacenti. Immediatamente bloccati e identificati, sono stati perquisiti. Pallara aveva con sé circa undici grammi e mezzo di sostanza stupefacente tipo hashish e 100 € mentre Ferri aveva nascosto oltre quattro grammi della medesima sostanza nonché 25 € in contanti, somme ritenute provento di spaccio. Alle successive perquisizioni effettuate presso i rispettivi domicili sono stati rinvenuti ulteriori 25 grammi circa di hashish, una dose di cocaina e un bilancino di precisione. Visti gli indizi a loro carico i due sono stati tratti in arresto e, dopo aver espletato le formalità di rito, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Borgo San Nicola a disposizione dell’A.G. competente. La sostanza stupefacente e il denaro sono stati posti sotto sequestro. Proseguono incessanti i controlli in particolar modo nella zona del centro storico del capoluogo salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!