Ex Ceduc e operatori. Quale la sorte?

Il centro educativo di proprietà comunale, sito sul lungomare Galilei, sarà probabilmente trasformato in struttura di accoglienza turistico-sociale. Ma le famiglie dei 19 ex dipendenti?

Da oltre tre anni è rimasto chiuso e di conseguenza inattivo e dismesso il servizio assistenziale, neppure sospeso o interrotto, data la legge nel frattempo intervenuta ad abolirne in via perentoria esercizio e convenzione del passato, con riconversione in una nuova realtà ricettiva e sociale. Per decenni è stato il punto di riferimento regionale per le politiche sociali del nostro Comune e del suo territorio, funzionando come salutare e alternativa dimora di molti minori e ragazzi in difficoltà provenienti da tutta la provincia. Nella progettazione futura, pur conservando parzialmente la vocazione socio-assistenziale, è destinato a mutare ulteriormente il suo aspetto, ipotizzando anche l’eventualità di bonificare con micro-impianti sportivi, là dove possibile e senza danni, l’ampia area verde, ristrutturata a mo’ di parco pubblico. I lavori di ristrutturazione dell’immobile, appaltati alla fine del mandato della prima amministrazione Venneri e proseguiti sino ad oggi grazie ad un finanziamento regionale di quasi 800.000 euro, pare siano giunti in dirittura d’arrivo. Il piano già sopraelevato è da tempo illuminato accendendo ogni sera, specie ai più diretti interessati, lusinghiere speranze di rinascita. Appare necessario quanto prima chiudere la questione e definire la soluzione dell’immobile. Resta però da sistemare gli ultimi dettagli tecnici insieme con le suppellettili e da fissare con la massima precisione la destinazione d’uso. Il problema più importante tuttavia è reintegrare la ventina di unità della vecchia gestione, che per i titoli acquisti non si aspettano certo di essere abbandonate al loro destino, autorizzate pertanto a reclamare i propri diritti con le relative istanze occupazionali. È compito però dell’amministrazione comunale dover perorare con forza la giusta causa dei vecchi operatori dell’ex Ceduc. A tal fine, con il più favorevole degli auspici, Gino Schirosi intende sollecitare lo stesso sindaco Venneri invitandolo a mantenere le promesse già formulate e rese pubbliche alla stampa. “È ovvio dunque che si dovrà fare portavoce -commenta Schirosi- nei confronti dei nuovi gestori cui toccherà la nuova concessione, della qualificata professionalità maturata con esperienza dai vecchi dipendenti per i quali si dovranno trovare tutte le corsie preferenziali necessarie per il loro reinserimento, comunque riutilizzati anche con nuove mansioni professionali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment