Esame di dialetto? “Proposta razzista”

Teresa Bellanova interviene sulla proposta della Lega di sottoporre i professori a un esame di dialetto

“Una proposta inqualificabile” per Teresa Bellanova quella della Lega di sottoporre i professori a un esame di dialetto, “ennesimo attacco razzista al Mezzogiorno e ai tanti laureati meridionali che con impegno si sono guadagnati un posto da docenti, anche nel Nord”. “Avvilisce osservare – continua Bellanova – in quale penoso silenzio rimangano i rappresentanti meridionali e salentini del centrodestra, che farebbero bene a consigliare alla Lega e a questo Governo un esame sulla conoscenza della nostra Costituzione. E’ mia intenzione presentare al più presto un’interrogazione parlamentare sulla vicenda, mentre invito a un’immediata mobilitazione sul territorio i rappresentanti presenti in tutti i livelli istituzionali: propongo ai consiglieri regionali, provinciali e comunali di dare avvio ad ordini del giorno per ribadire il valore dell’unità del Paese”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment