Cisternino. Adriatic International Festival

Giunge al termine la rassegna multiculturale con l'ultimo appuntamento che vedrà sul palco Joana Amendoeira

Si chiude a Cisternino la rassegna organizzata dalla Provincia di Brindisi, con la direzione artistica di Roberto Caroppo, che ospita per quest’ultimo appuntamento Joana Amendoeira. Come lei stessa dice: “E’ nell’emozione del fado che le persone si identificano e riconoscono, le distanze non significano a”. L’Amendoeira è considerata una delle nuove promesse del fado, tra le eredi di Amalia Rodrigues. Il suo stile è classico, degna erede della musica lusitana. Il Festival nel corso delle quattro precedenti edizioni ha favorito in più occasioni l’incontro tra artisti di diverse nazionalità come nel caso dell’attore Brizio Montanaro e l’Ensemble Terra d’Otranto con la cantante greca Savina Yannatou e dei serbi Earth Wheel Sky Band con il trombettista salentino Cesare Dell’Anna. Ha inoltre, ospitato Oi Va Voi, Dam, Boris Kovac, Klezmatics, Kocani Orkestar, Fanfara Tirana, Carlo Nunez, Beltuner, Baba Zula, Elliot Murphy, Esma Redzepova, Daniele Sepe e la Brigada Internazionale e Maurice el Medioni. Nello spirito multiculturale della rassegna, l’ideazione dell’immagine di fondo del manifesto della quinta edizione dell’AIF Adriatic International Festival è stata realizzata dall’artista montenegrino Pero Nikcevic, nato nel 1951 in Jugoslavia, conseguito il diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Belgrado si è trasferito nel 1976 a Parigi frequentando alle Beaux Arts di Parigi un seminario di Jean Bertholle per dipinti di grande formato. L’inizio del concerto è previsto per le ore 22, in piazza Vittorio Emanuele.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment