Il sabato di Mediterranea estate 2009

Canti popolari in vernacolo. L'inizio è per le ore 21.00, ingresso libero, nella suggestiva cornice del chiostro dell’ex convento dei Teatini

Si intitola “Le voci del Salento – canti popolari in vernacolo” la nuova produzione musicale firmata dall’Associazione Culturale “Centro Studi Musicali” di Lecce, in programma questa sera alle ore 21.00, ingresso libero, nella suggestiva cornice del chiostro dell’ex convento dei Teatini, nell’ambito della rassegna Mediterranea Estate 2009. In scena il coro polifonico “Padre Igino Ettorre”, accompagnato dal pianista Michele D’Elia dell’accademia del Teatro alla Scala di Milano, ad interpretare le canzoni della tradizione popolare salentina, elaborate nella maniera classica per 4, 5 e 6 da voci (soprano, mezzosoprano, contralto, tenore, baritono e basso) dal compianto musicista e compositore Padre Igino Ettorre. Il Concerto è diretto dal giovane direttore salentino Eliseo Castrignanò (recente finalista in Bulgaria, come unico italiano, del prestigioso Concorso Internazionale per direttori d’orchestra e Direttore Musicale del Coro Lirico di Lecce). Le voci del Salento rientra in un più ampio progetto del Centro Studi Musicali, presieduto da Antonio Montinaro, noto neurochirurgo e musicofilo, con la Direzione Artistica del musicologo Maurilio Manca e la Direzione Musicale di Eliseo Castrignanò, riguardante la produzione discografica (live e in studio) del repertorio recuperato e un’iniziativa didattica in sinergia con altre realtà musicali e teatrali tesa alla diffusione della canzone popolare.Sempre nell’ambito di Mediterranea Estate 2009 domani è in programma lo spettacolo musicale di Riviera Salentina a Frigole in piazza Bertacchi alle ore 21:00. Il gruppo propone un repertorio di canzoni originali, canzoni contemporanee, anni ’60, liscio, balli di gruppo, latino americani, pizzica e canzoni popolari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment