Otranto. Meeting per l’amicizia fra i popoli

La manifestazione, giunta quest'anno al quarto anno, ospita ottocentomila persone tra mostre, spettacoli e tavole rotonde

La XXX edizione del Meeting per l’Amicizia fra Popoli di Rimini, dal titolo “La conoscenza è sempre un avvenimento”, sarà presentata ad Otranto sabato 18 luglio, alle ore 20.30, nel suggestivo scenario delle mura a ridosso della Porta Terra (Largo Porta Alfonsina). L’anteprima salentina, che si tiene per il quarto anno di fila nella cittadina adriatica, è organizzata dalla Compagnia delle Opere di Lecce e dall’Associazione ArteMare nell’ambito dell’omonima rassegna patrocinata dal Comune di Otranto e dalla Provincia di Lecce. Introdurrà la serata il Prof. Marcello Tempesta, docente di Pedagogia generale presso l’Università del Salento. Interverranno il Presidente dell’Associazione Meeting, Prof.ssa Emilia Guarnieri Smurro, che ha recentemente presentato il Meeting presso la sede dell’Unesco a Parigi, e il Prof. Paolo Ponzio dell’Università di Bari, curatore della mostra internazionale che la kermesse riminese propone nel centenario galileiano, dal titolo “Cose mai viste”. Oltre ad essere l’evento culturale più frequentato al mondo (con le sue ottocentomila presenze in sette giorni di tavole rotonde, spettacoli e mostre), il Meeting è un punto di incontro reale fra persone di culture diverse, una originalissima esperienza di apertura a tutti gli interessi umani e una proposta allo stesso tempo di alto livello e di popolo (vi hanno partecipato, in questi anni, le più grandi personalità mondiali ed è messa in piedi da circa 3000 volontari). Il programma completo della manifestazione, che sarà ospitata dal 23 al 29 agosto nei padiglioni della Fiera di Rimini, è consultabile sul sito www.meetingrimini.org

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment