Venneri sui rifiuti: “Indietro di 30 anni”

Il sindaco di Gallipoli ha stabilito nell’area situata in prossimità della strada statale per Taviano lo stoccaggio provvisorio della spazzatura

“Stiamo tornano indietro di almeno trent'anni, quando ogni realtà municipale aveva una propria discarica nella quale raccoglieva i suoi rifiuti. Un passo indietro nella storia reso indifferibile e necessario a causa di chi non ha saputo garantire il corretto ciclo dei rifiuti, facendo esplodere una bomba ecologica di cui paghiamo gli effetti a livello ambientale, sanitario e turistico. Peggio di così è impossibile”. Il sindaco Giuseppe Venneri interviene nuovamente sulla questione dell'emergenza-rifiuti, a seguito della propria ordinanza urgente con cui ha stabilito nell’area situata in prossimità della strada statale per Taviano lo stoccaggio provvisorio della spazzatura prodotta sul territorio comunale, onde far fronte a una situazione che rischia di segnare punti di non ritorno a livello igienico-sanitario. “La situazione è molto grave e delicata – ha proseguito il primo cittadino – ed i teoremi ed i complotti di cui qualcuno parla sono tutti esclusivamente nella mente di chi li elabora. Se a Gallipoli, come sostiene ancora qualcuno, la raccolta viene fatta a macchia di leopardo, è perchè c'è una discarica, quella di Poggiardo, che continua a funzionare a singhiozzo. Se i camion stanno fermi di fronte alla Sud Gas, non è certo perchè c'è un sindaco inefficiente. È lapalissiano che se i camion restano fermi ed in coda, la pulizia non viene eseguita ed i sacchi di immondizia si accumulano in città. Mi sembra pretestuoso attaccare il sottoscritto quando tutti sanno di chi sono le competenze nella gestione dei rifiuti, di chi i meriti se le cose vanno bene e di chi le responsabilità se non funzionano”. Il sindaco torna a fare il punto della situazione. “Continuiamo ad essere – ha concluso – in piena emergenza e francamente spero che le parole rassicuranti dell'assessore provinciale all'Ambiente siano confermati dai fatti. Il mio dovere istituzionale è di dargli credito, certo è che la città continua ad essere sfregiata dai rifiuti a tal punto da rendere necessaria l'apertura del sito di stoccaggio provvisorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment