Scarti caseari e mozzarelle scadute nei campi

La finanza ha scoperto che i titolari di due aziende casearie della zona di Maglie eliminavano gli scarti in alcuni terreni intorno a Cavallino

I prodotti caseari venivano gettati in aperta campagna per evitare i costi dello smaltimento in strutture specializzate. Seguendo le orme di un’inchiesta nata da sospetti e segnalazioni, le “fiamme gialle” sono partite dalla zona di Maglie e hanno seguito in strada un’autobotte nella zona di Cavallino. Il carico contenente avanzi industriali del settore caseario, mozzarelle scadute, veniva smaltito in aperta campagna. A fare l'inquietante scoperta sono stati i finanzieri della tenenza di Maglie, coordinati dalla compagnia di Otranto, i quali hanno effettuato controlli nei terreni insieme a personale dell’azienda sanitaria locale di Maglie. Sotto sequestro sono finite due aree di 348 e 21 metri quadri, su cui erano stati depositati senza o sversati qualcosa come 8mila e 100 litri di liquidi provenienti da scarto di lavorazione industriale di prodotti caseari. I militari della guardia di finanza hanno posto sottosequestro anche 16 chilogrammi di mozzarelle scadute, più altro materiale utilizzato per il confezionamento e l’imballaggio di prodotti caseari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment