Antonica: “Noi non facciamo passerelle televisive”

Sandra Antonica, sindaco di Galatina, attacca il collega del centrodestra Venneri di Gallipoli, senza peli sulla lingua

“I sindaci possono evitare che i rifiuti restino per strada. Venneri farebbe bene a ripulire Gallipoli invece di lamentarsi e passeggiare tra i rifiuti”. Così Sandra Antonica, sindaco di Galatina che dce la sua candidamente, attaccando il primo cittadino gallipolino sulla situazione dell’emergenza ambientale. “A pochi giorni dal voto il centrodestra continua strumentalmente a parlare dell’emergenza rifiuti e invece di fare terrorismo psicologico e alimentare la preoccupazione dei cittadini, i sindaci e presidenti delle Ato potrebbero rimboccarsi le maniche e trovare soluzioni alternative”, sostiene Antonica. “Altro che protezione civile ed esercito, qui serve la buona volontà degli amministratori di centrodestra”. “Le soluzioni si possono trovare. Nei giorni scorsi, come già feci all´inizio di gennaio – spiega ancora Sandra Antonica -, ho emesso un’ordinanza che dispone la raccolta dei rifiuti in un’apposita area fuori dal centro abitato, nei pressi della Colacem. Se i mezzi di raccolta non riusciranno a smaltire i rifiuti nell´impianto di Poggiardo saranno depositati in appositi container. Non si può negare, che per una serie di errori in fase di progettazione e di successivi ricorsi, gli impianti non siano a regime”. “Però – ci tiene a precisare – ci sono responsabilità precise dei sindaci, che non si sono impegnati nella raccolta differenziata. A Gallipoli cosa fa il sindaco? Si lamenta invece di reagire e potenziare la differenziata, come hanno fatto e continuano a fare molti sindaci di centrosinistra”. “Galatina – dice Sandra Antonica – potrebbe vivere la stessa situazione di Gallipoli. Se non ci troviamo in quelle condizioni di sporcizia è perché su quasi 30 mila abitanti, ben 18 mila fanno la differenziata e poi perché quando c’è un problema con le discariche, noi non facciamo la passerella televisiva ma ci assumiamo le nostre responsabilità. È inutile che gridino allo scandalo. Quello che vogliono, soprattutto in questo momento, è solo la polemica. Basta con questa lamentela continua”. “Se i comuni e le Ato non fanno la raccolta differenziata, come chiede il commissario Vendola e come suggerisce il buon senso, gli impianti saranno sempre in affanno perché continuerà ad arrivare una grossa mole di tal quale. Il presidente dell’Ato Lecce 2 – sostiene ancora Antonica – avrebbe dovuto giocare un ruolo importante e invece di motivare e guidare i sindaci verso la differenziata per evitare quella che lui chiama emergenza, ha occupato il suo tempo facendo polemica. L’idea è chiara: si monta il problema aspettando un salvatore della patria che lo risolva. Solo che in questo caso non sarebbe credibile il ministro Raffaele Fitto, considerato che il problema l’ha creato lui – conclude – con il suo piano dissennato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment