43° rally del Salento. Chentre e Furlan alzano la coppa

Elwis Chentre ed Erica Furlan, su Peugeot 206 wrc, si sono aggiudicati il 43° rally internazionale del Salento

Il pilota aostano Elwis Chentre e la navigatrice udinese Erica Furlan si sono aggiudicati il 43° Rally Internazionale del Salento, quarta prova del Trofeo Rally Asfalto (coefficiente 2) e gara inserita nel calendario 2009 dell’International Rally Cup e del Challenge Rallies Nazionali di 7^ Zona di cui la gara salentina segnava la tappa numero 3. L’equipaggio della scuderia Ateneo (Peugeot 206 Wrc) che con questa vittoria balza al comando del T.R.A., ha percorso i 426,84 chilometri di gara complessivi in 1.44'55”2 vincendo cinque delle dieci Prove Speciali su cui si articolava la manifestazione. Chentre, campione 2008 nelle classi Super 1600 ed R2 nel Campionato Italiano Rally, ha preso il comando della gara dopo la P.S. 3 approfittando dell’uscita di strada del comasco Paolo Porro (Ford Focus Wrc) leader, fino a quel momento e vincitore della prova spettacolo disputata sul circuito “La Conca” venerdì sera. Da quel momento Chentre ha sempre mantenuto il comando delle operazioni controllando agevolmente i suoi avversari ed arrivando alla fine, malgrado un problema al cambio, con un vantaggio di 42”6 sulla coppia composta da Gianfranco Cunico e Luigi Pirollo (Ford Focus Wrc), che hanno chiuso primi nella sezione I.R.C. Il pilota vicentino, tornato a disputare il “Salento” dopo qualche anno di assenza, è stato uno dei protagonisti della gara. Sue tre P.S., ma sul suo tempo definitivo pesa un problema al launch control che gli ha fatto perdere circa 20 secondi sulla linea di partenza della P.S. 3 (ripetuto spegnimento della vettura). Sul terzo gradino del podio, (ma secondi nell’I.R.C.) sono saliti Giuseppe Grossi e Alessandro Pavesi su Subaru Impreza Wrc. Il pilota riminese ha tenuto un passo costante condizionato, però, da una vettura che ha accusato qualche problema di assetto. Quarti Alessio Pisi e Marco Pollicino in gara con una Abarth Grande Punto Super 2000 e protagonisti di una gara assolutamente impeccabile. Quinta posizione per il pilota barese Franco Laganà che, in coppia con il siciliano Fabio Guzzardi su Mitsubishi Lancer Evo X, si è aggiudicato la vittoria in Gruppo N. Grazie a questo risultato Laganà compie un importante balzo in avanti anche nella classifica assoluta del T.R.A. posizionandosi in quinta posizione. Alle spalle del pugliese, nella generale, si è piazzato l’equipaggio composto da Alessio Santini e Veronica Martinelli, primi, su Renault Clio in Classe Super 1600. Tra i ritirati, oltre a Porro: Pedersoli fermo sulla P.S. 2 per il bloccaggio del differenziale che gli ha causato una uscita di strada; Gianfico, anche lui fermo per uscita di strada sulla P.S. 4; Re, campione in carica nel Trofeo Rally Asfalto, fermo per incidente in un tratto di trasferimento verso la P.S. 5. Ritirato anche Silva che, dopo aver ultimato la P.S. 6, è rimasto “vittima” di un principio di incendio prontamente domato dall’equipaggio. Tra i salentini a primeggiare è la coppia composta dai fratelli brindisini Francesco ed Alberto Montagna su Citroen C2 di classe R2B, tredicesimi nella generale e secondi di Gruppo. Nel Challenge di Zona vince la coppia composta da Enrico Girardi e Sergio Sisto Rega che hanno corso per la prima volta con una Mitsubishi Lancer Evo X e che confermano il loro ottimo stato di forma. Alle sue spalle, staccata di 15”1, la coppia leccese composta da Ivan Pisacane e Cristian Quarta, in gara su una Renault Clio Rs. Terzo il sanmarinese Alessandro Broccoli in coppia con Roberto Lo Giudice su Renault Clio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment