Rissa in discoteca

Se le sono date di santa ragione. Buttafuori e frequentatori di una discoteca di Santa Cesarea che proprio non hanno gradito di essere stati invitati ad uscire dal locale

Non è la prima volta che la discoteca di Santa Cesarea diventa teatro di risse o liti di varia gravità. I carabinieri della stazione di Poggiardo ed il Nucleo operativo radiomobile di Maglie sono intervenuti per sedare lo scontro tra due addetti alla sicurezza e cinque frequentatori di Trepuzzi. Uno di questi ha riportato la frattura del polso che gli è costata una prognosi di 30 giorni; l’intervento delle forze dell’ordine è scattato d’ufficio. Gli altri giovani se la sono cavata con ferite che guariranno in otto, cinque ed un giorno. Ma alle cure mediche sono ricorsi anche i due addetti alla sicurezza; uno di loro è stato ferito ad una gamba con un cacciavite. La lite è scoppiata quando i buttafuori hanno deciso di allontanare dal locale due dei frequentatori per atteggiamenti troppo irrequieti. A quel punto è scattata la reazione da parte degli altri amici, che si trovavano ancora all’interno del locale. Nelle prossime ore sarà possibile conoscere maggiori dettagli sulla dinamica dei fatti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment