Bellanova: “Ria si dimetta”

La depuata del Pd chiede le dimissioni di Lorenzo Ria, in quanto eletto con le liste bloccate e i voti del partito democratico

Teresa Bellanova, deputata del PD, interviene in merito alle dichiarazioni dell’on. Lorenzo Ria sui risultati delle consultazioni elettorali del 6 e 7 giugno: «Il voto del 6 e 7 giugno ha chiaramente delineato che la Provincia di Lecce ha ancora la possibilità di continuare a tessere il progetto che in questi anni, in modo onesto e diligente, l’amministrazione di centrosinistra ha saputo creare. Per leggere i dati politici emersi occorre una mente lucida e non acrimoniosa, scevra da faziosità intinta in personalismi e frustrazioni di sorta.” La Bellanova ha taciuto in questi mesi perché ha pensato di rispettare una scelta che credeva sofferta, ma le dichiarazioni di Lorenzo Ria sono ingenerose e superficiali, e l'hanno indotta a rompere il suo silenzio. Le sue dichiarazioni, infatti, non colgono il dato effettivo. Ha continuato la deputata:” Noi non ci siamo mai sognati di dire che il PDL ha raggiunto solo il 18,55%, e quindi vogliamo sottolineare che il 13% del PD va sommato con le altre tre liste.” «Caro Lorenzo, non essendoci stati cambiamenti nel gruppo dirigente che tu ritieni una “oligarchia incistata” mi chiedo perché mai, solo un anno fa, hai voluto fortemente essere candidato al Parlamento con il PD, accettando di essere sostenuto nella tua battaglia per farti collocare in una posizione utile.” Oggi Ria parla di una lezione che può servire anche a “loro”, ma ci si chiede chi siano questi loro. Ancora Teresa Bellanova:” Non mi sembra che il candidato alla Provincia di Lecce per il centrodestra appartenga al gruppo misto. Com'è labile, Lorenzo, il tuo concetto di democrazia: rimproveri al PD assenza di democrazia, sapendo che per mesi, abbiamo democraticamente discusso per il candidato alla Presidenza della Provincia, tu sostenevi una scelta marcatamente di sinistra. Abbiamo votato e sei stato messo in minoranza.” “Le scelte personali vanno esplicitate all’elettorato con chiarezza, senza infingimenti. Abbi il coraggio di dire agli elettori salentini che tu, come il ministro Fitto, condividi le scelte adottate dal Governo Berlusconi che danneggiano il Mezzogiorno, che condividi la ruberia dei fondi Fas, che condividi l’impostazione antimeridonalista che questo Governo, ricattato dalla Lega, ha inteso adottare. Ai lavoratori salentini devi dire che le risorse per la cassa integrazione sono state utilizzate per risollevare il Nord Italia e per le quote latte, che le risorse per le infrastrutture, partendo dalla ss275, sono state dirottate altrove.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!