33milioni per l'Area vasta Sud Salento

La Giunta regionale ha assegnato ingenti risorse al piano strategico “Salento 2020″ di Area vasta. La soddisfazione di Remigio Venuti, sindaco di Casarano, Comune capofila

La Giunta regionale ha deciso di assegnare la non irrisoria cifra di 33milioni 434mila 827euro all’Area vasta Sud Salento e al Piano strategico “Salento 2020”, per il primo Accordo di Programma stralcio. Una decisione che giunge al termine di un processo delicato e complesso, capace di coinvolgere a pieno il territorio e le sue espressioni per questo, in più momenti, apprezzato, nel metodo e nel merito, dalla stessa Regione, e che adesso entra finalmente nella sua fase realizzativa. Remigio Venuti, sindaco di Casarano, il comune capofila, ha dichiarato: “Tenendo ben a mente la necessità di sottrarre questo, come altri importanti e decisivi processi di sviluppo locale, allo scontro elettorale che si va consumando sugli organi di informazione e nelle strade e che sembra non voler risparmiare niente e nessuno, mi preme solo sottolineare quanto il processo della pianificazione strategica abbia visto lavorare in profonda sinergia tutti le amministrazioni locali delle 66 realtà che compongono l’Area Vasta, senza distinzione di appartenenza politica, e come il progetto di sviluppo che il Piano strategico consegna al territorio sia d’ampio respiro, capace di incidere profondamente sui punti di criticità territoriali e di indicare, con altrettante chiarezza, i punti forti dello sviluppo.” Il sindaco ha poi continuato: “Al contempo, non posso non sottolineare quanto ancora una volta si confermi come corretta e direi necessaria la metodologia seguita, per non disperdere in mille rivoli le risorse e per ancorarle a pochi, chiari, ineludibili obiettivi.” Una metodologia e una proposta peraltro coerente anche con la posizione di chi, a livello nazionale e centrale, ritiene che troppo spesso i fondi europei non siano stati investiti nella giusta direzione, e che è sempre stata, per quel che riguarda il Comune capofila, i sindaci presenti nella Cabina di regia, l’Assemblea dei Sindaci, l’équipe tecnica di progettisti, un punto di riferimento concreto e certo. “Oggi questo territorio ha a disposizione uno strumento di qualità per affrontare il proprio futuro e poter immaginare una risposta più che concreta anche alla crisi che lo attraversa. Uno strumento partecipato e coerente, che nei prossimi anni sarà il vero interlocutore per lo politiche di sviluppo territoriale e il vero diario di bordo.” Ha concluso Remigio Venuti

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!