Arrestati 14 ultrà in curva nord

“Cercai solo di scongiurare un'ingiustizia”. Così Massimo Alfarano, assessore allo sport spiega il suo coinvolgimento in uno degli episodi che hanno portato agli arresti dei tifosi del Lecce

Massimo Alfarano, assessore allo sport, chiarisce il suo coinvolgimento nell’episodio che ha portato oggi ad alcuni degli arresti dei tifosi giallorossi da parte della Polizia. “Sono letteralmente sconcertato – spiega Alfarano – dai riferimenti che sono stati fatti alla mia persona per il coinvolgimento in uno degli episodi che hanno determinato gli arresti dei 14 tifosi giallorossi.” Il primo ordigno fu lanciato all’indirizzo del mezzo dei carabinieri ed a pochi passi dall'assessore (che era fermo sul marciapiede ed in compagnia del figlio e del nipote, entrambi undicenni, per partecipare alla festa dei 100 anni del Lecce) e da due ragazzini che non facevano parte del corteo dei tifosi che sfilava e che vennero immediatamente fermati ed incolpati per l’accaduto. Ha continuato Alfarano: “Mi sono semplicemente avvicinato ai carabinieri qualificandomi e raccontando quanto avevo visto e quindi per cercare di scongiurare una ingiustizia di cui ero certo, ricevendo in cambio un’aggressione fisica e verbale da parte di un appuntato.” Sono questi gli atteggiamenti “poco consoni” per i quali Alfarano si è meritato la citazione nell’ordinanza che ha portato agli arresti ed i qualificati riferimenti in conferenza stampa. “Mi chiedo – conclude – in quale Paese ci troviamo se mi vengono addossate delle colpe per aver cercato di difendere due individui ingiustamente incolpati di un crimine”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!