Medinsud

Come la canzone napoletana incontra la tradizione dell'altro Mediterraneo: Made in sud, Medinsud

Un canto napoletano introdotto da un oud arabo e intersecato da un clarinetto, mentre alla voce maschile risponde una femminile. Poi, come in una disfida canora che giunge fino all’altra sponda del Mediterraneo, risponde una terza voce in arabo. E cambia anche il ritmo, come una tammurriata segue la fronna. Il testo, per essere davvero universale e trasmutabile, sceglie di cantare il fiore più universale e trasmutabile: la rosa. Che bel nome ti ha dato tua madre, il nome del fiore più bello, quel fiore è nel mio giardino, quel fiore è lassù in Paradiso. La donna è un fiore, il fiore è una donna, la donna ci porta in cielo, ci trasumana… e via con le reminiscenze dantesche. L’unità delle musiche del mondo è come l’unità delle religioni: facile a dirsi, meno facile a realizzarsi. Per ottenerla non basta volerlo, ci vuole la sapienza di strumenti, ritmi, armonie e arrangiamenti tutt’altro che arrangiati (strano destino delle parole). I Cantodiscanto operano trasmutazioni notevoli anche con pizziche, tarantelle campane e garganiche, poesie colte e popolari. Li si ascolta qui, qui e, per gli abitanti del tacco d’Italia, il 31 maggio a Borgagne (ma solo il duo Guido Sodo-Faisal Taher).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!