Bologna- Lecce. Uno scippo da serie A

Una domenica recrimonosa quella giallorossa. La formazione di De Canio è stata sconfitta al 94esimo dal Bologna. Il Lecce si avvia inesorabilmente verso la retrocessione

Al Dall' Ara una dolente sconfitta col Bologna per 2-1. Il Lecce ha ormai un piede in serie B. Ma il tecnico ed il presidente giallorossi recriminano con l'arbitro. Due gli episodi incriminati: il gol del pareggio di Di Vaio, in fuorigioco, e l'espulsione di Papadopulos. Il Lecce si vede così scippata la serie A. Eppure il match era cominciato bene, perfetta l'azione di vantaggio firmata da Tiribocchi. Ma l'assistente Papi non si accorge di un fuorigioco netto, convalidando il gol di Di Vaio su assist di Mingazzini. In avvio di ripresa, Orsato decide che il Lecce avrebbe dovuto terminare la gara in dieci, espellendo Papadopulos, ma a sbagliare era il direttore di gara non fischiando il fallo subito dall'attaccante. In dieci la partita ha continuato a farla il Lecce, che fino alla fine ha lottato per difendere la serie A. Ma col Napoli sotto contro il Torino in casa, la Regina vittoriosa e il Chievo imbattuto, il pari non serviva nè al Lecce, nè al Bologna. I padroni di casa così nell'unico tentativo serio di tutta la partita e in pieno recupero hanno trovato il gol. Tanta rabbia e rimpianto, solo calcoli fantascientifici potranno ormai salvare i Salentini.

Leave a Comment