Gallipoli in vela verso il mar Baltico

La città di Gallipoli si prepara per i campionati europei di vela che si terranno quest'estate

Il logo ed il simbolo della Città di Gallipoli solcheranno il mar Baltico, la prossima estate, in occasione dei campionati europei, previsti per la specialità “giovanile standard” e “4.7”. L'occasione è data infatti dalla presenza, nelle competizioni marittime, del 17enne gallipolino Marco Raeli, reduce pochi giorni fa dal successo nel campionato zonale tenutosi a Brindisi, dove si è imposto tra gli under 19 nella classe “Laser”, barca monotipo di vastissima diffusione mondiale. Raeli, che attualmente si allena presso la Lega Navale di Monopoli sotto la guida del coach Franco D'Andria, è stato campione italiano under 17 due anni fa nella sua specialità, ed attualmente sta bruciando le tappe anche tra gli under 19, categoria nella quale è approdato a gennaio e dove ha subito iniziato a fare incetta di risultati e vittorie, ultima delle quali nelle acque brindisine. Per l'atleta gallipolino, che nonostante allenamenti ed impegni extracurriculari mantiene comunque un ottimo profitto presso il liceo scientifico “Q. Ennio” di Gallipoli, il prossimo impegno sarà quello di Riva del Garda, in attesa della grande avventura europea. “Abbiamo deciso – ha detto l'assessore allo Sport, Giorgio Cacciatori – di coniugare i brillanti successi di Marco, che sta dominando le gare in cui partecipa con il nome della nostra città, che pertanto sarà apposto sulle vele utilizzate dal nostro atleta per attraversare il mar Baltico e le acque del nord Europa. Un'altra pagina felice per lo sport gallipolino, dopo quella che stiamo scrivendo tutt'oggi con gli straordinari successi del Gallipoli Calcio, che grazie all'impegno ed alle capacità del presidente Vincenzo Barba è ormai ad un passo dalla serie B”. Per la cronaca gli impegni di Raeli a livello europeo saranno fissati tra il 31 luglio ed il 14 agosto in Scandinavia, prima in Svezia e quindi in Finlandia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!