Smaltimento rifiuti Ato/2 a Cavallino e Poggiardo

Un' ordinanza di Pellegrino

Pellegrino ha disposto un'ordinanza sullo smaltimento dei rifiuti bacino Ato/2 affinchè vengano conferiti nelle discariche di Cavallino e Poggiardo. La polizia provinciale dovrà assicurarne la corretta esecuzione

Giovanni Pellegrino a seguito dell’incontro tenutosi due giorni fa a Bari con le autorità regionali e con le aziende coinvolte e, ai fini del superamento delle problematiche che avevano portato in questi giorni ad un rallentamento dei processi di trattamento e smaltimento dei rifiuti prodotti dal bacino dell’Ato Le/2, ha disposto un’ordinanza necessaria per fronteggiare la situazione di eccezionale ed urgente necessità che si stava presentando. Tale ordinanza prevede che la frazione secca biostabilizzata dell’Ato Le 2 venga trattata per sei giorni, utilizzando tre biotunnel dell’impianto Sud Gas di Poggiardo e tre biotunnel dell’impianto di Cavallino, gestito dalla ditta Ambiente e Sviluppo in località Masseria Guarini. L’ordinanza in oggetto evidenzia tra l’altro che, poichè la Società Progetto Ambiente che gestisce l’impianto di Cavallino svolge la sua attività in regime di concessione amministrativa, deve ritenersi delegataria di pubbliche funzioni e quindi tenuta, in questa fase transitoria, ad un generale dovere di cooperazione per il raggiungimento degli obiettivi di interesse pubblico connessi allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani dell’Ato Le 2. E’ stato dato,inoltre, in questo atto mandato alla Polizia Provinciale di assicurare la corretta esecuzione di quanto disposto. Si precisa che l’anzidetta ordinanza è regolamentata tra i poteri ordinariamente attribuiti alle Province dal D. Lgs. n. 152 del 2006, nonché prevista come potere eccezionale riconosciuto dall’art. 191 dello stesso D. Lgs., che consente di fatto al presidente della Provincia di affrontare situazioni di contingibilità ed urgenza, anche in deroga alle prescrizioni normative ordinariamente vigenti “Con questo atto forte da parte del presidente Pellegrino diamo corso alle intese raggiunte ieri a Bari. Ci auguriamo che tutti i soggetti coinvolti nella vicenda vogliano partecipare con spirito di collaborazione e responsabilità per affrontare questa fase transitoria e delicata”, dichiara Gianni Scognamillo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!