Garrisi. “Uniformiamo le misurazioni delle centraline”

Dopo gli ultimi sforamenti in piazzetta De Santis ed in via Vecchia San Pietro

Dopo gli ultimi sforamenti in piazzetta De Santis ed in via Vecchia San Pietro, Garrisi sollecita una verifica sulla strumentazione

L’Assessorato alle Politiche Ambientali ha chiesto all’Arpa Puglia spiegazioni sugli sforamenti delle centraline di monitoraggio dell’aria poste in piazzetta De Santis ed in via Vecchia San Pietro, che hanno registrato per oltre tre giorni consecutivi valori di agenti inquinanti oltre i limiti. Lo rende noto Gianni Garrisi. I valori del PM10 (ma non del benzene), infatti, sono risultati oltre i limiti nelle giornate del 30 e 31 marzo, 1 e 2 aprile. Dopo le comunicazioni previste per legge, l’Assessorato ha chiesto delucidazioni all’Arpa, dal momento che gli sforamenti non hanno trovato riscontro con i dati della centralina di via Garigliano, che ha rilevato valori sempre molto bassi. L’Arpa Puglia ha risposto che non è possibile fare un confronto tra le due centraline di piazzetta De Santis e via Vecchia San Pietro e le altre poste a Lecce e provincia, dal momento che si tratta di strumentazioni differenti e di differenti sistemi di campionamento. L’Arpa ha spiegato dunque che le misure non sono confrontabili probabilmente per il diverso modo di taratura delle centraline, che segnalano valori differenti. A seguito delle richieste dell’Assessorato, l’Arpa Puglia ha chiesto alla Project Automation s.p.a. (ditta aggiudicataria del servizio di manutenzione delle centraline) di effettuare una verifica sulle strumentazioni ed eventualmente di uniformare la taratura. “Vogliamo andare a fondo – spiega Gianni Garrisi – e capire perché i valori delle due centraline di piazzetta De Santis e via Vecchia San Pietro non coincidono con tutte le altre. Credo che sia necessario uniformare tutte le strumentazioni a nostra disposizione ed avere un quadro reale della situazione, anche perché si corre il rischio di creare puntualmente inutili allarmismi tra i cittadini”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!