Parte a Lecce la raccolta differenziata del verde

La nuova iniziativa di Comune ed Axa

Prenderà il via il 15 aprile a Lecce la raccolta differenziata degli scarti organici da giardino. L’obiettivo è ridurre il più possibile i rifiuti da avviare in discarica

Amministrazione comunale di Lecce e Axa promuovono la raccolta differenziata degli scarti organici da giardino. Questo sistema di raccolta comprende gli scarti verdi provenienti dalle rasature o potature di giardini e di aree pubbliche o private (in particolare come “verde” si intendono le foglie, i fiori, le ramaglie, le potature dei giardini, le frasche, ecc.). L’obiettivo è quello di ridurre il più possibile i rifiuti da avviare in discarica. A partire dal 15 aprile i cittadini potranno conferire le loro potature presso la sede di Axa, sita in masseria “Le Fontanelle” alla zona industriale di Lecce, tutti i martedì e giovedì, dalle ore 14:00 alle ore 18:00, e depositarle negli appositi vasconi. Il servizio è gratuito solo per i cittadini, mentre è a pagamento per le imprese di manutenzione del verde. Gli scarti vegetali raccolti verranno convogliati presso un impianto di recupero e trasformati in un fertilizzante di qualità per l’agricoltura anche biologica. Per informazioni è attivo il numero verde 800 711292. “La scelta di effettuare questo tipo di raccolta del verde – spiega Gianni Garrisi, assessore alle Politiche ambientali – scaturisce anche dal notevole risparmio che si ottiene non conferendo tali rifiuti nella nuova piattaforma di smaltimento di Cavallino; le tariffe degli impianti di recupero del ‘verde’ sono di gran lunga più contenuti e non graveranno sulle tasche dei cittadini”. I cittadini residenti nel Comune di Lecce che possiedono un giardino, possono richiedere gratuitamente al Comune il composter per trasformare i rifiuti organici e vegetali in compost riutilizzabile come fertilizzante per orti e giardini. Le modalità e i termini per la richiesta sono consultabili sul sito www.comune.lecce.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!