Fondamentalmente

In più di 400 parole quasi senza punteggiatura né pause, Alanis Morissette supera una soglia del cantabile

Si può cantare di tutto. I cantanti non cantautori si lamentano dei testi complicati, delle parole che ti acchiappano la lingua su un intervallo difficile, ed era tradizione teatrale che i compositori picchiassero duro sui librettisti, come Verdi su Piave. Eppure il “cantabile” è una soglia che si può sempre spostare. “I was hoping”, di Alanis Morissette, ha più di 400 parole quasi senza punteggiatura né pause musicali, tutto in enjambement. Il ritornello è un lamento succinto che riecheggia le speranze del titolo, il resto son frammenti di dialogo in Do maggiore e Mi minore, così sospesi e anacolutici che sembrano presi da un racconto di Raymond Carver. Lui dice: “Parla piano che mia moglie è proprio qui accanto”, lei: “Ultimamente non ho mangiato carne, neanche pollo”, lui: “Siamo in cima alla catena alimentare e tu sei così bella”. E ancora: “Non sarebbe da idioti accorgersi di aver avuto una vita meravigliosa solo cinque minuti prima di morire?” Lei taglia corto. Tutto qui, fondamentalmente… A un certo punto lei si gira e fa: “Pensi che siamo tutti fondamentalmente dei criticoni? Pensi che siamo tutti fondamentalmente cattivi?” Fondamentalmente… In inglese: “Fundamentally judgemental”. Parole lunghissime da cantare. Si cantano. Per esempio qui

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!