Chi vuol essere sentinella dell’ambiente

La decisione della Giunta provinciale nel corso della seduta di ieri

Si chiamano Gev, guardie ecologiche volontarie, e sono agenti di polizia amministrativa e pubblici ufficiali che, oltre a promuovere attività di informazione, monitorano il rispetto delle leggi ambientali. La Provincia ha pensato a dei corsi per la formazione di queste figure

E’ stata deliberata ieri in giunta provinciale l’avvio del primo corso di formazione per Gev (Guardie ecologiche volontarie) e per agenti venatori volontari. La figura del Gev, ovvero della guardia ecologica volontaria, opera nel campo della vigilanza ecologica, della salvaguardia dell’ambiente e nella prevenzione degli incendi boschivi e protezione civile. Le guardie ecologiche volontarie sono agenti di polizia amministrativa e pubblici ufficiali che, oltre a promuovere attività di informazione ambientale, hanno il compito di verificare il rispetto delle leggi di tutela dell'ambiente. “La Provincia di Lecce – ha dichiarato al termine della seduta Gianni Scognamillo, assessore provinciale all’Ambiente, ha sempre affrontato tutte le problematiche relative alla tutela del paesaggio e delle sue risorse naturali, della difesa del suolo e del controllo idrogeologico, della gestione dei rifiuti, con un metodo che è stato quello di far fronte sì alle emergenze del momento ma, contestualmente, di programmare una attenta politica ambientale. In questa direzione va inquadrato questo importante intervento formativo. Nel 2005 – ha continuato – Palazzo dei Celestini aveva raccolto la richiesta di ben 220 aspiranti Gev. Questo numero rappresenta un vero e proprio successo di adesioni che testimonia la sensibilità dei giovani salentini verso i temi della tutela ambientale. Oggi diamo forza e continuità alla nostra scelta. Mi auguro che la Regione trasferisca quanto prima le risorse necessarie per avviare il nuovo bando”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!