Un sopralluogo contro il randagismo

Sotto osservazione Lecce e le marine leccesi

Si comincerà alle ore 9 da San Cataldo per proseguire verso Torre Chianca, Spiaggiabella, Casalabate e Frigole. Alfredo Pagliaro, assessore all'Igiene per il Comune di Lecce, ed i veterinari Asl insieme per la lotta al randagismo

Obiettivo: monitorare la situazione del territorio comunale leccese ed, in particolare, nelle marine, riguardo al fenomeno del randagismo, che oltre ad essere un fenomeno sociale è anche un problema di sicurezza per i cittadini. A questo fine Alfredo Pagliaro, assessore all’Igiene, Sanità Pubblica e Randagismo del Comune di Lecce, domani effettuerà un sopralluogo con il personale del suo assessorato e con i veterinari responsabili del Servizio Veterinario della Asl di Lecce. Il sopralluogo avrà inizio alle ore 9 dalla marina di San Cataldo per poi dirigersi verso Torre Chianca, Spiaggiabella, Casalabate e Frigole. “Nonostante l’impegno dell’Amministrazione comunale, del Servizio Veterinario e dei volontari animalisti – afferma Pagliaro – il randagismo aumenta in proporzione all’abbandono da parte dei cittadini e per l’incuria da parte di molte Amministrazioni limitrofe al capoluogo, che non hanno mai provveduto alla prevenzione di tale fenomeno attraverso la costruzione di canili sanitari e canili rifugio, anzi – conclude – hanno spesso contribuito all’aumento del fenomeno chiudendo le strutture che aveva a disposizione sul loro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment