Troppo alcool per una ragazzina: titolare disco nei guai

Rischia la chiusura il locale di Maglie dove una 16enne si sbronzò finendo in ospedale

Una ragazzina finisce in ospedale per un'intossicazione da alcool, i medici la salvano, ma scatta l'indagine. Denuncia alla titolare della discoteca di Maglie, si rischia la chiusura

Dovettero condurla d’urgenza in ospedale per farle passare i postumi di un’intossicazione acuta, dovuta a troppo alcool. E' una ragazza di Lizzanello, di appena sedici anni. Il fatto è successo diverso tempo addietro, esattamente nella notte del 18 gennaio scorso, in una discoteca nei dintorni di Maglie. Ora la titolare, un’imprenditrice, dopo un’indagine conclusa nei giorni scorsi, risulta denunciata a piede libero dai carabinieri della stazione di Maglie. Poiché si tratta del gestore della struttura, è ritenuta infatti responsabile di aver permesso la somministrazione di bevande alcooliche ad una persona minore di 16 anni, che versava peraltro in uno stato di manifesta ubriachezza. Tanto che, all’ennesimo bicchiere, avendo ormai perso il controllo crollò in uno stato di semicoscienza e fu costretta ad un ricovero presso il pronto soccorso di Scorrano per cure immediate da parte dei sanitari. I carabinieri, coordinati dal maggiore Andrea Azzolini, si sono mossi proprio a partire da questo episodio, raccogliendo diverse testimonianze, in base alle quali sarebbe stata indicata la vendita di superalcolici anche dopo le 2 di notte. Sulla scorta di quanto raccolto, i militari hanno quindi richiesto al sindaco un provvedimento di chiusura temporanea del locale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!