Bellanova: si alle quote rosa

Per promuovere la presenza delle donne nelle istituzioni e nel parlamento

Teresa Bellanova dice la sua in merito alle dichiarazioni della Ministra Carfagna, contraria alle quote rosa. Il nostro Paese è il fanalino di coda europeo in termini di rappresentanza politica femminile, ciò secondo la Bellanova confermerebbe lo stampo maschilista dell’attuale governo

Teresa Bellanova, componente della Commissione Lavoro della Camera, interviene in merito alle dichiarazioni della Ministra Carfagna, contraria alle “quote rosa”: “Non si tratta di 'offese o umiliazioni' ma della presa d'atto che il nostro Paese è il fanalino di coda europeo in termini di rappresentanza politica femminile. La Ministra delle Pari opportunità dovrebbe sentire la responsabilità di cambiare questa indegna situazione, anche attraverso l'utilizzo di strumenti temporanei come sono appunto le quote rosa. Se la Ministra non ha questa ambizione, ci chiediamo quali siano le ragioni dell'esistenza stessa del suo dicastero. Vorremo proprio conoscere”, aggiunge la deputata del PD, “quali sono gli strumenti che la Ministra ha in mente per promuovere la presenza delle donne nelle istituzioni e in parlamento. Ad oggi conosciamo solo annunci e azioni contro le tutele delle donne. Pensiamo in particolare alla difesa delle dimissioni in bianco e alla estromissione, per una presunta 'mancanza di sintonia con gli indirizzo politici del Governo', della consigliera nazionale di parità, Fausta Guariello. Su questo ultimo aspetto siamo molto severi, anche alla luce della richiesta di chiarimento dell'Unione europea, perché proprio non possiamo comprendere come si possa ipotizzare un rapporto fiduciario con una figura istituzionale che è chiamata a presiedere alle azioni di tutela di tutte le donne. Il nostro giudizio sull'operato del ministro Carfagna è negativo e conferma lo stampo maschilista del governo Berlusconi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!