I rifiuti minuto per minuto

La nota di Giovanni Pellegrino agli uffici provinciali

Una relazione quindicinale sullo stato di avanzamento dei lavori. Lo ha chiesto Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, agli uffici preposti, al fine di tenere sotto controllo l'interessamento della Regione sulla questione rifiuti in Salento

La Provincia di Lecce minuto per minuto sul problema rifiuti. Giovanni Pellegrino, presidente dell’ente provinciale, ha richiesto agli Uffici preposti, tempestivi e continui aggiornamenti per assumere nuove iniziative verso la Regione Puglia se i tempi dovessero protrarsi oltre quelli stabiliti dalle intese. “Chiedo di verificare con scadenza quindicinale lo stato di avanzamento dei lavori e di darmene tempestiva notizia, per le opportune iniziative che potrò assumere verso la Regione, se i tempi di esecuzione risultassero tali da non garantite i presupposti dell’intesa raggiunta in Prefettura”: così ha scritto in una nota inviata a Dario Corsini, dirigente del Servizio Rifiuti e scarichi a proposito dello smaltimento di rifiuti solidi urbani nel territorio provinciale. “Dell’attuazione dell’intesa raggiunta presso la Prefettura il 7 gennaio scorso – ha spiegato Pellegrino – un momento essenziale è costituito dall’entrata in esercizio della discarica di servizio-soccorso e dell’impianto di biostabilizzazione di Ugento, nonché della discarica di servizio di Corigliano d’Otranto e dell’impianto di biostabilizzazione di Poggiardo. Solo per la discarica di servizio-soccorso di Ugento – ha continuato – è necessaria l’approvazione di una variante all’originario progetto, che ne consenta l’esecuzione e l’entrata in esercizio di un primo lotto funzionale; per gli altri tre impianti, invece, il problema attiene soltanto ai tempi di esecuzione da parte dell’Ati Cogeam, che ne è concessionaria di esecuzione e gestione per affidamento regionale”. Proprio ieri mattina, intanto, i tecnici provinciali, insieme a Gianni Scognamillo, assessore alle Risorse ambientali, hanno svolto un sopralluogo a Poggiardo ai fini della chiusura della procedura autorizzativi Aia (Autorizzazione integrata ambientale). E in attesa della conferenza dei servizi conclusiva, che si terrà venerdì a Bari, Scognamillo è stato ieri pomeriggio in riunione con i referenti regionali nel capoluogo pugliese, per verificare lo stato dell’arte di tutte le questioni individuate nell’incontro svoltosi in Prefettura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!