Quando lo sport è per tutti

Logo e claim dello sport della Provincia

Servirà a veicolare il messaggio “Lo sport è cultura, benessere, territorio, turismo, valori”. Flavio Fasano ha battezzato ieri il logo ufficiale dello sport salentino. Il succo è: il “Salento face sport”

Un Flavio Fasano, assessore provinciale allo Sport, soddisfatto dell’impresa ha commentato ieri la presentazione ufficiale del nuovo logo e del nuovo slogan dello sport salentino. “Il rinnovamento del settore – ha detto – è solo all’inizio”. Ma già si intravedono i primi risultati. “Vengono in mente – ha continuato Fasano – altri ed ulteriori termini, tutti validi e condivisibili per affermare un principio forte: lo sport è per tutti! È proprio da questo che ho voluto dare avvio all’ambizioso progetto di creare un logo ed uno slogan che riconoscano lo sport come portatore di più interessi e fosse leva di sviluppo di un territorio, oltre che fondamentale portatore di valori riconosciuti”. La nuova visione che l’assessore ha in mente prevede connessioni tra le diverse attività, manifestazioni del territorio, ma non solo, e la valorizzazione di altri aspetti della cultura salentina, propri della vita quotidiana dei Comuni e della città (artigianato, architettura, tempo libero, moda, design, media, paesaggio urbano, ambiente, eno-gastronomia, storia locale, tradizioni popolari, caratteristiche degli spazi pubblici e della vita sociale e culturale della città, identità locale, ecc.). A presentare le prime novità “sportive” insieme a Fasano, testimonial d’onore era Camillo Placì, allenatore della squadra di pallavolo maschile e già medaglia olimpica, che ha voluto essere presente all’incontro e che servirà anche a veicolare l’immagine del Salento nel mondo attraverso lo sport. Nei prossimi giorni si procederà alla redazione del regolamento di utilizzo del marchio che servirà a distinguere anche le strutture sportive che garantiranno l’accesso ai disabili.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!