Scoppia l'incendio. Li salva il gatto

Storia di un eroe a quattro zampe

Se Cioppy, un gatto trovatello, non avesse miagolato e graffiato sulla porta così forte, i tre inquilini si sarebbero accorti delle fiamme troppo tardi. Invece grazie a lui è stato possibile chiamare subito i soccorsi

Ha miagolato così forte ed ha graffiato con le unghie sulla porta in maniera così insistente che i tre inquilini non hanno potuto far finta di niente. E per fortuna. Protagonista di questa storia è un gatto. Cioppy. Un trovatello. Che tre studenti universitari a Lecce hanno raccolto dalla strada ed adottato nel proprio appartamento. Così riconoscente, il piccolo Cioppy, che nella notte di domenica ha ricambiato il favore e salvato lui la vita ai suoi padroni. Questi non si erano accorti, infatti, dell’incendio che era scoppiato in cucina. Il fumo nero e denso aveva invece destato l’attenzione del felino che non ha esitato a richiamare la loro attenzione. Un eroe, Cioppy. Perché se i ragazzi si fossero svegliati anche solo poco tempo più tardi, probabilmente non avrebbero potuto raggiungere l’uscita dell’appartamento. E’ finita bene, una disavventura domestica. Ed i tre giovani (Vitantonio Ostuni, 32 anni, di Ostuni; Francesca Atzeni, 29 anni, di Pimentel in provincia di Cagliari; Concetta Greco, 25 anni, di Manduria) non finiranno tanto presto di dire “grazie” al loro salvatore. Poco dopo sono arrivati nella zona (piazza Diaz) i pompieri, il 118 e la polizia. Per i tre studenti nessuna grave conseguenza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!