Buono, buonissimo. Made in Casarano

Riparte alla grande la stagione invernale della rassegna

Al primo appuntamento, che si è tenuto lunedì scorso, al ristorante “Oste Pazzo”, hanno partecipato più di cento persone, il massimo di coperti che il locale poteva ospitare. I cittadini dimostrano di gradire i prodotti agro-alimentari casaranesi

E’ partita alla grande la stagione invernale di “Made in Casarano”, la rassegna itinerante per la promozione dei prodotti agro-alimentari casaranesi. Lunedì scorso, al ristorante “Oste Pazzo”, la prima delle sette tappe previste, hanno partecipato più di cento persone, il massimo di coperti che il locale poteva ospitare. Segno evidente che la formula della manifestazione è indovinata ed attira la curiosità dei cittadini. La proposta si basa, infatti, su un pranzo completo a prezzo fisso (8 euro), formato da prodotti delle 14 aziende che hanno aderito al progetto; prodotti che vengono elaborati dal ristorante di turno (sette adesioni), che propone un suo menù di fantasia. Al primo appuntamento della nuova stagione era presente il sindaco, Remigio Venuti, e la giunta municipale quasi al completo, per dare un segnale importante alla manifestazione; numerose le presenze di persone venute da fuori, e questo è stato il particolare che ha soddisfatto maggiormente gli organizzatori e le 14 aziende che hanno aderito al progetto: biscottificio Preite Emiliano, panificio Preite Antonio, panificio Prete Rita, caseificio “Galata”, “Pullo sottoli”, “Punto Pasta”, pasticceria “De Lazzari”, pasticceria “da Ugo”, pasticceria “Aries”, “Vinoli” (vini), “Caffè Santos”, “Conad” (carni), “Ortocoop”, azienda agricola “Spunta il sole”. Il prossimo appuntamento è fissato per il 18 novembre presso il ristorante “Antico Isolato”. Intanto, nei prossimi giorni, “Made in Casarano” diventerà un’associazione. I rappresentanti delle aziende che collaborano al progetto, infatti, firmeranno presso un notaio l’atto costitutivo e il relativo statuto. “E’ un fatto importante – commenta Emiliano Preite, ideatore dell’iniziativa – perché vuol dire che queste imprese credono nel progetto e in quello stiamo facendo”. “Made in Casarano”, inoltre, in occasione della serata all’”Oste Pazzo”, ha presentato i cesti-dono per il prossimo Natale che proporranno alle aziende casaranesi. “Sono cesti pieni di prodotti delle 14 imprese del progetto, chiaramente, con un prezzo competitivo”, spiega Preite.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!