Lecce programma la festa patronale 2009

Obiettivo: ripetere il successo della passata edizione

Nei giorni scorsi Attilio Monosi, assessore alle Attività produttive del Comune di Lecce, ha incontrato i soggetti coinvolti nell’organizzazione della Festa patronale. L'edizione 2008 è stata un successo. Ma già si pensa alla prossima

Il Comune di Lecce già pensa alla prossima festa patronale. Attilio Monosi, assessore comunale allo Sviluppo Economico, Attività Produttive, Innovazione, Marketing territoriale e Patrimonio ha incontrato nei giorni scorsi i rappresentanti di Camera di Commercio, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Federcommercio per stilare un bilancio ed esaminare i dati consuntivi dell’edizione 2008 della Festa Patronale di Sant’Oronzo, nonché per delineare una prima programmazione della prossima edizione. “Il bilancio della festa è assolutamente positivo – ha commentato Monosi – soprattutto nell’ottica del rinnovamento e della riqualificazione dell’evento. Abbiamo allargato il perimetro della manifestazione coinvolgendo le periferie e questo costituirà la base per organizzare anche la prossima edizione”. I soggetti interessati solleciteranno i rispettivi iscritti ed associati a formulare proposte per l’edizione 2009 da formalizzare entro la fine dell’anno in modo tale da inaugurare la fase operativa ed organizzativa già a gennaio 2009. “Sono personalmente soddisfatto per la riuscita dell’evento – ha continuato l’assessore – e credo che molto sia dipeso dalla concertazione attraverso cui è passata la fase organizzativa. Anche in prospettiva futura intendiamo mettere a punto una serie di incontri e di riunioni per affrontare al meglio tutte le novità ed i cambiamenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!