Lido Marini. Parcheggi in regola?

L'interrogazione del PdCi

Riportiamo il testo integrale dell'interrogazione a risposta scritta che Angelo Minenna, consigliere comunale di Ugento per il Partito dei Comunisti Italiani, ha inviato ad Eugenio Ozza, Antonio Mauro, Massimo Lecci e Biagio Marchese, rispettivamente sindaco, assessori all'Urbanistica e all'Ambiente, presidente del consiglio comunale di Ugento

Egr. Signori, Per sapere, premesso che: mi giunge voce della recente autorizzazione, nella marina di Lido Marini, di un parcheggio gestito da un titolare di una struttura turistico ricettiva, operante nella suddetta località. Pare che il suddetto parcheggio sia stato autorizzato su di un’area comunale, rinveniente dalla cessione della suddetta, a seguito di lottizzazione. Ciò comporterebbe una palese violazione della normativa in materia, la quale comporta l’assegnazione dell’area suddetta in seguito a pubblico bando di gara, dove possono partecipare soggetti giuridici di diverso tipo (qualora il Comune non abbia deciso di destinare tale area ad altri scopi, tipo verde pubblico attrezzato etc.). Tutto quanto sopra premesso, CHIEDO alle SS.VV. se siano stati o meno autorizzati parcheggi, in aree pubbliche comunali, nella località di Lido Marini, e se ciò rispondesse al vero in base a quale modalità essi sono stati assegnati o concessi. Altresì, se non dovesse risultare vera tale notizia, o se sia stato perpetrato un abuso, in barba a tutte le prescrizioni e normative, quali misure intende porre in essere la Giunta Comunale per arginare fenomeni di degrado e appropriazione di tali beni collettivi, con particolare riferimento alla marina di Lido Marini. Distinti saluti. Il consigliere comunale Angelo Minenna

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!