I sette di Venneri

Il primo cittadino di Gallipoli ha presentato la sua giunta

Sono tutti gallipolini. Alcuni alla loro prima esperienza amministrativa, altri conferme della passata giunta Venneri. Il sindaco li ha presentati ieri alla cittadinanza

“Credo che la squadra di governo che quest’oggi presento alla città rappresenti un’ottima sintesi di esperienza, buon senso, qualità professionali e di capacità di impegnarsi senza soste e con dedizione totale per la nostra cittadinanza. E dico questo potendo contare su elementi concreti di valutazione”. Con queste parole Giuseppe Venneri, sindaco di Gallipoli, ha presentato ufficialmente, ieri pomeriggio, la sua nuova squadra di governo. “Con alcuni assessori, infatti – ha proseguito ancora il primo cittadino – ho già avuto la fortuna ed il piacere di lavorare con risultati importanti per la crescita della nostra città e quindi già da adesso so quanto valgono e quanto impegno possono garantire per la nostra Gallipoli. Di altri conosco le capacità politiche e professionali e so che potranno garantire molto alla mia giunta, in termini di esperienza e di buon senso per superare le problematiche che si presenteranno nella nostra azione di governo. Altri assessori, alla loro prima esperienza da amministratori, hanno però dato ampia prova di capacità e di qualità, umane e professionali nei rispettivi settori e sono certo dunque che saranno una risorsa aggiuntiva per il nostro esecutivo. Nella distribuzione delle deleghe volevo sottolineare alcune significative novità rispetto alla mia prima esperienza di governo: scelte innovative che ho operato al fine di essere il più coerente possibile con il programma elettorale con cui ho chiesto ed ottenuto il consenso popolare per il governo della città”. Il sindaco è sceso poi nel dettaglio delle assegnazioni delle deleghe. “Mi riferisco in particolare alle deleghe alle Periferie ed alle Marine, assegnate all’assessore Pisanello ed a quella per l’Arredo Urbano, data all’assessore Barba. Un segnale, questo, che ho voluto dare per sottolineare l’attenzione di questo esecutivo nei riguardi sia della quotidianità e quindi delle problematiche più immediate e ricorrenti per il cittadino e penso alla luce che non funziona, al marciapiede rotto o sconnesso ,e più in generale, dei servizi al cittadino, indipendentemente dal tessuto urbano in cui ubicato, Baia Verde piuttosto che Peep 3. In quest’ottica di maggiore vicinanza a colui che resta il principale metro di paragone dell’azione amministrativa, vale a dire il cittadino, ho deciso di attribuire queste tre deleghe, perché sin da subito sia visibile e netta l’impronta che intendo dare nel mio secondo esecutivo. Da oggi dunque possiamo contare su un esecutivo serio e competente, che si impegnerà con serietà e senza lesinare energie nell'interesse esclusivo della nostra città”. Di seguito l’elenco completo delle deleghe attribuite agli assessori: Sindaco Giuseppe Venneri deleghe: Polizia municipale e Servizi ambientali Assessore Giovanni De Matteis (vicesindaco) deleghe: Politiche sociali, Famiglia, Pari opportunità, Promozione della persona, Sanità e personale Assessore Giuseppe Barba deleghe: Lavori pubblici, Arredo urbano, Edilizia residenziale pubblica, Sviluppo e promozione economica della pesca Assessore Giorgio Cacciatori deleghe: Centro storico, Rapporti con i cittadini e le istituzioni, Politiche giovanili e Sport Assessore Gabriella Casavecchia deleghe: Turismo, Politiche culturali e Politiche scolastiche Assessore Antonio Negro deleghe: Programmazione finanziaria, Tributi, Demanio e patrimonio Assessore Giovanni Pisanello deleghe: Urbanistica, Sportello unico per l’edilizia, Periferie e marine Assessore Rosario Spada deleghe: Attività produttive, Commercio e artigianato

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!