Banca Arditi Galati cresce

In aumento anche la raccolta diretta

Il 2007 si è confermato ancora un anno di ulteriore crescita per Banca Arditi Galati (Gruppo Banca Sella), con un andamento positivo che è ben evidenziato dal dato di bilancio sull’utile netto, attestatosi a 5,4 milioni di euro, rispetto ai 3,8 milioni dell’anno precedente

Nel 2007 il margine d’intermediazione ha registrato una crescita del 7,8% sostenuta soprattutto dal margine di interesse, + 11% rispetto al 2006: l’andamento positivo è stato influenzato in particolare dall’aumento dei volumi sia in termini di raccolta diretta, sia di impieghi. Passando ai dati patrimoniali, infatti, la raccolta diretta è cresciuta del 16,6% rispetto all’anno precedente, mentre la raccolta indiretta ha registrato un aumento del 6,6%. Anche gli impieghi per cassa hanno registrato una crescita con un +10,8% determinata soprattutto da operazioni a medio/lungo termine sia verso le imprese che le famiglie. Ancora in miglioramento la qualità del credito che si evidenzia con il calo dell’incidenza delle sofferenze nette sugli impieghi all’1,2% rispetto al 1,4% del 2006. In leggero aumento il rapporto fra costi operativi e margine di intermediazione: il risultato del 2007 fa segnare un 61,3% rispetto al 59,6% del 2006. Il 2007, caratterizzato per l’istituto da un grosso lavoro sul controllo dei rischi che ha portato alla riduzione dei rischi operativi e delle perdite su crediti, ha visto Banca Arditi Galati impegnata su vari fronti per cercare di servire al meglio il cliente: particolare attenzione è stata dedicata alle imprese, con il lancio di finanziamenti specifici per le aziende in start up, e al finanziamento di impianti fotovoltaici per la produzione di energia pulita. Infine è stata ampliata con prodotti di selezionate case di gestione l’offerta alla clientela di fondi e sicav da parte delle succursali. Attualmente Banca Arditi Galati, con la recente apertura di Foggia, conta 38 succursali distribuite tra Puglia, Campania e Molise; l’istituto di credito del Gruppo Banca Sella impiega un totale di 230 dipendenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!